• 1
    • 2
    • 3
    2
    Adulti: 2
    Bambini: 0
  • Età bimbo 1 : anni
    Età bimbo 2 : anni
    Età bimbo 3 : anni
    Età bimbo 4 : anni
    Età bimbo 5 : anni

GUEST BOOK

 

In questa pagina, vogliamo condividere i pensieri e recensioni dei nostri ospiti che ci hanno colpito di più… Continuate a scriverci: Potreste trovare anche il vostro ricordo su questa pagina!

 

Grazie a Barbara da Reggio Emilia!

guest book hotel stella riccione

 

Ecco la recensione super dettagliata di un nostro ospite di Brescia

guest book hotel stella riccione

 

C’è poi chi torna a trovarci…

guest book hotel stella riccione

 

Chi sceglie l’hotel Stella Riccione anche durante convention ed eventi al Palacongressi Riccione

guest book hotel stella riccione

 

Anche Giulio ha apprezzato ogni aspetto della sua vacanza insieme a noi

guest book hotel stella riccione

 

Poi ci sono gli ospiti più romantici, che addirittura ci dedicano le poesie!

Ecco “Una Stella su Riccione” del nostro amico Ermanno Contelli

“Sulle spiagge di Riccione
è già alta la stagione,
che imperversa, senza orari,
con schiamazzi e schizzi vari,
che esibisce, senza freni,
chiappe scure e nudi seni,
che scatena a notte fonda,
una disco-baraonda.

Ma Riccione è anche un lido
che assomiglia tanto a un nido,
dove un bimbo gracilino
trova sempre il suo lettino,
dove un nonno un po’ malfermo
può godersi il teleschermo,
dov’è pronta una barchetta
per la coppia amorosetta.

Sotto il sole e sopra il mare
più tranquillo non puoi stare.
Te lo prova un noto albergo,
ch’Hotel Stella è detto in gergo.

È lo Stella un “buen ritiro”
per chi dorme come un ghiro;
è un salotto bello e buono
per chi ama il giusto tono.

È lo Stella un parco-giochi
per chi ha in uggia i videogiochi:
si protende fino al mare
e i bambini fa sognare.

Lo frequenta un angioletto,
che coltiva un pio progetto:
-Potrò mai col mio secchiello
levar l’acqua al Gran Mastello?
Gli ribatte un demonietto
che ha già in atto un trabocchetto:
-Fa’ attenzione alle mie buche;
lascia star le fanfaluche!

È lo Stella il miglior sito
per svegliare l’appetito:
la cucina romagnola
è una festa per la gola.
C’è chi affronta la mattina
con un pieno di piadina.
Nel tripudio dei banchetti
vanno a ruba i cappelletti.
Alla sera nessun esce
se assaggiato non ha il pesce.
Perde l’uomo le difese
come accede al Sangiovese;
Meglio allora il buon Trebbiano
per un brindisi più umano.
E che dire, in conclusione,
del glorioso “squaquerone”?
È un formaggio squagliaticcio,
di ogni pasto il re-feticcio.

È arrivato, o così credo,
il momento del congedo.
Mi son preso una licenza?
Al lettore la sentenza.
A parlarmi dello Stella
fu per prima una donzella:
ne parlò con tale ardore
che invidiai l’albergatore.
La donzella è poi cresciuta
e lì sempre è pervenuta;
io la presi in simpatia
e ne feci la mia zia.

O lettore, una proposta:
sia lo Stella la tua posta;
per raggiungere la meta
ti sia guida la cometa.

“E la storia l’è finida tajt al nès fat ‘na piva; se la storia l’è trop longa tajt al nès e fat ‘na tromba”.”